41AYQpHwOPL._SY445_.jpg
41AYQpHwOPL._SY445_.jpg

Accabadora


«Acabar», in spagnolo, significa finire. E in sardo «accabadora» è colei che finisce. Agli occhi della comunità il suo non è il gesto di un'assassina, ma quello amorevole e pietoso di chi aiuta il destino a compiersi. È lei l'ultima madre. Maria e Tzia Bonaria vivono come madre e figlia, ma la loro intesa ha il valore speciale delle cose che si sono scelte. La vecchia sarta ha visto Maria rubacchiare in un negozio, e siccome nessuno la guardava ha pensato di prenderla con sé, perché «le colpe, come le persone, iniziano a esistere se qualcuno se ne accorge». E adesso avrà molto da insegnare a quella bambina cocciuta e sola: come cucire le asole, come armarsi per le guerre che l'aspettano, come imparare l'umiltà di accogliere sia la vita sia la morte. Premio Campiello 2010.

166

20,9x13,6

brossura

9788806221898

Accabadora

€ 12,00
Dillo ad un amico Richiedi informazioni

Potrebbe interessarti anche

71bX4TVaLQL.jpg
€ 12,00
Nel tempo di mezzo