41AYQpHwOPL._SY445_.jpg
41AYQpHwOPL._SY445_.jpg

Accabadora

Murgia, Michela


«Acabar», in spagnolo, significa finire. E in sardo «accabadora» è colei che finisce. Agli occhi della comunità il suo non è il gesto di un'assassina, ma quello amorevole e pietoso di chi aiuta il destino a compiersi. È lei l'ultima madre. Maria e Tzia Bonaria vivono come madre e figlia, ma la loro intesa ha il valore speciale delle cose che si sono scelte. La vecchia sarta ha visto Maria rubacchiare in un negozio, e siccome nessuno la guardava ha pensato di prenderla con sé, perché «le colpe, come le persone, iniziano a esistere se qualcuno se ne accorge». E adesso avrà molto da insegnare a quella bambina cocciuta e sola: come cucire le asole, come armarsi per le guerre che l'aspettano, come imparare l'umiltà di accogliere sia la vita sia la morte. Premio Campiello 2010.

166

20,9x13,6

brossura

9788806221898

Accabadora

Murgia, Michela

€ 12,00
Dillo ad un amico Richiedi informazioni

Potrebbe interessarti anche

71bX4TVaLQL.jpg
€ 12,00
Nel tempo di mezzo